Notizie Libertas Cassa Rurale Cantù

Il PalaFrancescucci si conferma fortino: il Pool Libertas conquista la sua prima semifinale di DelMonte® Coppa Italia Serie A2

POOL LIBERTAS CANTU’ 3

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE 0

(25-21, 25-22, 25-19)

 

POOL LIBERTAS CANTU’: Alberini 4, Gamba 21, Preti 8, Ottaviani 14, Aguenier 5, Monguzzi 6, Butti (L1). NE: Gianotti, Galliani, Melli Martini, Mazza, Picchio (L2). All: Denora, 2° All: Zingoni (battute vincenti 7, battute sbagliate 10, muri 8).

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Coscione 1, Motzo 20, Colli 2, Maiocchi 9, Truocchio 4, Vigil Gonzalez 6, Morgese (L1), Giovannetti, Arguelles Sanchez, Compagnoni, Hanzic 5, Loreti (L2). N.E.: Rossi. All: Mastrangelo, 2° All: Bulleri (battute vincenti 3, battute sbagliate 11, muri 4).

Arbitri: Andrea Clemente (Parma) e Sergio Jacobacci (Venezia)

Addetto al videocheck: Vanessa Bacchella

 

Al Pool Libertas Cantù bastano tre set per conquistare la prima semifinale della DelMonte® Coppa Italia Serie A2. Una partita comunque combattuta, con i ragazzi di Coach Francesco Denora che hanno trovato nei servizi di Preti e Gamba le chiavi per far girare i tre parziali a loro favore.

Coach Francesco Denora schiera Alessio Alberini in cabina di regia, Kristian Gamba opposto, Alessandro Preti e Giuseppe Ottaviani in banda, Jonas Aguenier e Dario Monguzzi al centro, e Luca Butti libero. Coach Vincenzo Mastrangelo risponde con Manuel Coscione al palleggio, Matheus Motzo opposto, Matteo Maiocchi e Leonardo Colli schiacciatori, Andrea Truocchio e Alejandro Vigil Gonzales centrali, e Davide Morgese libero.

A inizio match la Kemas Lamipel prova a scappare con Vigil e Motzo (2-4), ma Gamba riporta avanti il Pool Libertas (6-5). Alberini mura Maiocchi ed è +2 interno (11-9), ma Maiocchi e Motzo guidano il parziale di 0-5 che ribalta la situazione (11-14). Monguzzi mura Motzo e Cantù torna sotto (13-14). Ottaviani piazza un ace ed è nuovo ribaltamento di fronte (17-16). Si prosegue lottando palla su palla, ed un punto in battuta di Preti convince Coach Mastrangelo a fermare il gioco (21-19). Al rientro in campo è Ottaviani-show: lo schiacciatore viterbese mette a terra tre palle di fila conquistando il primo set point per i suoi (24-20), che viene poi concretizzato da Gamba (25-21).

Un uno-due di Maiocchi a inizio secondo set manda avanti la Kemas Lamipel (0-2), ma il Pool Libertas sorpassa con Ottaviani (5-4). Due attacchi di Motzo e il pallino del gioco torna dalla parte dei toscani (5-6). Monguzzi ribalta di nuovo tutto con un ace (8-7), ma Colli ribatte con la stessa moneta (9-10). Un attacco mani-out di Motzo e Santa Croce va a +2 (11-13). Cantù risponde palla su palla, ma non riesce a colmare il divario fino al turno al servizio di Preti, che ribalta di nuovo il punteggio e convince Coach Mastrangelo a fermare il gioco (19-17). Al rientro in campo lo schiacciatore friulano piazza un ace e i lombardi vanno a +4 (21-17). E’ lo strappo decisivo: Coscione aiuta i suoi a rosicchiare qualche punto (22-20), ma i canturini resistono e chiudono con Preti (25-22).

L’inizio di terzo set vede le due squadre in parità, con nessuna delle due che riesce a prendere più di un punto di vantaggio sull’altra (2-3, 5-4, 8-7, 10-9). L’equilibrio viene spezzato da Gamba e da un muro di Monguzzi su Hanzic, e Coach Mastrangelo ferma il gioco (13-10). La Kemas Lamipel non molla, ma Gamba spinge sull’acceleratore: tre ace, un attacco, e un servizio che permette a Preti di mettere subito palla a terra, e il Pool Libertas scappa (21-13). E’ lo strappo decisivo: Motzo e Hanzic recuperano qualche punto per Santa Croce (23-19), ma un muro di Alberini su Motzo e un attacco di Ottaviani chiudono la sfida (25-19).

Queste le parole di Coach Francesco Denora a fine partita: “Siamo al settimo cielo per questo risultato: è una cosa che abbiamo voluto fortemente, e questa squadra ha dimostrato ancora una volta che nelle partite che contano è presente. Il primo giorno ci siamo detti che avremmo dovuto essere bravi a cavalcare le onde di questo percorso, e a farci trovare pronti quando conta, e oggi l’abbiamo dimostrato”.