Notizie Libertas Cassa Rurale Cantù

Il Pool Libertas “stecca” la prima del 2020 al Parini: la Materdomin passa 3-1

POOL LIBERTAS CANTU’ 1

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE 3

(22-25, 23-25, 25-16, 23-25)

POOL LIBERTAS CANTU’: Regattieri 2, Poey 31, Cominetti 8, Maiocchi 10, Mazza 3, Frattini 3, Butti (L1), Motzo 3, Gasparini 4. NE: Roncoroni, Suraci, Monguzzi, Rudi (L2). All: Cominetti, 2° All: Redaelli (battute vincenti 10, battute sbagliate 24, muri 3).

MATERDOMINIVOLLEY.IT CASTELLANA GROTTE: Valera 1, Cazzaniga 16, Fiore 15, Rosso 4, Gargiulo 10, Patriarca 10, Battista (L), El Moudden, Manginelli, Panciocco 5. N.E.: Floris, Paradiso, Sportelli. All: Castellano, 2° All: Castiglia (battute vincenti 4, battute sbagliate 23, muri 12).

Arbitri: Angelo Santoro (Varese) e Rachela Pristerà (Torino)

Addetto al videocheck: Mykyta Nikitin Gentile

 

Niente da fare anche stavolta. La Libertas Cantù inizia il 2020 in casa – davanti al Parini pieno di tifosi – con una sconfitta, l’ennesima di questa stagione difficile e in salita. 1-3 contro la Materdominivolley di Castellana Grotte al termine di un match complicato, ma che ha mostrato sprazzi di buona Libertas. E dire che Coach Cominetti ha dovuto rinunciare – per problemi fisici – sia a Baratti in regia che al capitano Monguzzi. Hanno fatto bene i loro sostituti Regattieri e Frattini, anche se non è bastato. L’esperienza degli avversari – con Patriarca al centro e le bande Cazzaniga e Fiore – hanno fatto la differenza. Di poco, come tutte le altre gare finora giocate al Parini. Ma quel poco è mancato anche stasera a Cantù.

Coach Luciano Cominetti parte con Riccardo Regattieri in regia, Raydel Poey opposto, Roberto Cominetti e Matteo Maiocchi in banda, Alessandro Frattini e Federico Mazza centrali, Luca Butti libero. Coach Maurizio Castellano risponde con Rodman Valera in regia, Roberto Cazzaniga opposto, Alessio Fiore e Mattia Rosso schiacciatori, Giovanni Maria Gargiulo e Stefano Patriarca centrali, Leonardo Battista libero.

Primo set equilibrato, la Libertas resta aggrappata agli avversari. Il break di Castellana arriva nel finale, ed è un peccato per i brianzoli che non ce la fanno a chiudere davanti (22-25). L’esperienza della Matertdomini si fa sentire. Finale al videocheck per il secondo set, con il punto decisivo per Castellana assegnato proprio dallo strumento tecnico di supporto (23-25). Ma nel terzo ecco la vera Libertas. Che schianta Castellana con aggressività e con il carisma di Poey: il cubano per larghi tratti fa la differenza. Aces, spettacolo e punti. Cantù vola sulle sue spalle e riapre la gara davanti a tanto tifo del Parini (25-16). Ma non riesce a dare continuità nel quarto set anche se nel finale – con i suoi giovani senza paura Frattini e Gasparini – cerca di tornare sotto. E ci riesce. Finale punto a punto con la Libertas schiacciata dalla conclusione decisiva di Cazzaniga, uno che ha fatto sentire e vedere tutta la sua esperienza (23-25). Per Cantù in casa ancora zero nella casella dei successi. E sabato si torna in casa contro Sieco Ortona. Seconda di fila davanti al pubblico amico.

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “Mi spiace che in alcune situazioni non siamo riusciti ad esprimere il nostro gioco. Abbiamo sofferto sulle bande, in modo particolare Roberto Cominetti. Ci sono stati ancora molti errori di gioventù: ci vorrebbero un po’ di attenzione e di ascolto in più, ci avrebbero aiutato a risolvere alcune situazioni. Al centro abbiamo sofferto un po’ perché è mancata la continuità nella distribuzione in questa zona del campo anche su palle di ricezione perfetta. Loro hanno avuto vita facile perché non siamo riusciti ad essere efficaci nella distribuzione”.

Leave a Reply